Coca Cola choc: ritirate dal mercato migliaia di bottiglie da 1,5 litri Il sapore è sgradevole e l’aspetto del liquido troppo denso. Pericolo allergeni.

  • 4 Giugno 2017

Il Ministero della Salute ha emesso un provvedimento di ritiro dal commercio per migliaia di bottiglie di #coca cola da 1,5 litri. Il lotto incriminato è il numero L170329863M con data di scadenza impressa sul tappo [VIDEO] della bottiglia 28/09/2017. Il lotto è stato prodotto nello stabilimento della HBC Italia situato a Marcianise, in provincia di Caserta. Il provvedimento, attuato da ieri 1° giugno, era già stato deliberato in data 26 maggio 2017, ma per motivi ancora non conosciuti è stato adottato solo il giorno 2 giugno.

Secondo le analisi di laboratorio effettuate su un campione del prodotto, la bibita contiene una percentuale troppo elevata di caffeina, acido fosforico e solfiti.
Inoltre il suo sapore è alquanto sgradevole e il liquido è estremamente denso. Secondo quanto riferiscono rappresentati della Coca Cola, le bottiglie incriminate dovrebbero essere state distribuite, principalmente, nelle
provincie di Salerno, Cosenza, Potenza e Matera, ma le indicazioni del Ministero della Salute risultano insufficienti. Quindi non è possibile sapere se il lotto è stato distribuito anche a livello nazionale o solo in quelle province.
Giovanni D’Agata, Presidente dell’associazione consumatori Sportello dei Diritti, invita tutti i consumatori in possesso di bottiglie di Coca Cola a controllare numero di lotto e data di scadenza e, se dovessero trovare una o più bottiglie appartenenti al lotto incriminato, a riconsegnarle immediatamente al punto vendita.

In un comunicato la società HBC Italia esprime tutto il suo disappunto e si scusa assicurando che stanno provvedendo al richiamo delle bottiglie pericolose in quanto ritengono la salute e la soddisfazione dei loro clienti prioritaria, come anche la buona qualità dei loro prodotti. E invita, ovviamente, a non consumare la bevanda. Il problema è che oltre ad elevate concentrazioni di caffeina, acido solforico e solfiti, il lotto incriminato potrebbe contenere anche alte concentrazioni di altri allergeni non dichiarati. E quindi gli effetti collaterali non sono prevedibili.
Il marchio Coca Cola è uno dei più conosciuti al mondo. Infatti distribuisce i suoi prodotti in più di 200 paesi ed è amato e odiato allo stesso tempo. Questo nuovo caso di contaminazione alimentare darà sicuramente altro materiale ai molti detrattori della bevanda analcolica più famosa al mondo.

Fonte :blastingnews