Carne artificiale, alternativa futura?

  • 12 Novembre 2015

La produzione in vitro di carne rivolta al consumo alimentare potrebbe essere una soluzione per venire in contro ai problemi ambientali derivanti da allevamenti tradizionali, sia a livello di inquinamento che di consumi energetici, senza dimenticare le sofferenze degli animali destinati alla macellazione. In uno studio pubblicato da alcuni ricercatori olandesi della Wageningen University viene analizzato un processo in grado di dar luogopotenzialmente a prodotti a base di carne a partire da cellule staminali animali che, se adottato su larga scala, permetterebbe una sensibile riduzione delle emissioni di gas a effetto serra riconducibili all’ allevamento del bestiame e a rendere il terreno disponibile per altri usi. È già stato dimostrato che esiste l’opportunità di produrre carne in questo modo, ma gli autori del recente lavoro, sostengono che portare la produzione su ampia scala sia fattibile. Il metodo proposto comporterebbe il prelievo di un piccolo numero di cellule staminali da far crescere in un bioreattore fino alla densità cellulare desiderata. Quindi verrebbero legate con l’enzima transglutaminasi a creare un reticolo proteico, e il prodotto risultante sarebbe pressato in un “medaglione”, simile a un hamburger.

Articolo di Antonio Ratti  – Fonte: Macchine alimentare